Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

 

Il Paesaggio Visto dagli Abitanti

Il 20 ottobre del 2000 gli stati membri dell’Unione Europea hanno firmato insieme un accordo che li impegna a riconoscere il paesaggio come “componente essenziale del contesto di vita delle popolazioni, espressione della diversità del loro comune patrimonio culturale e naturale e fondamento della loro identità”. L'accordo si chiama Convenzione Europea del Paesaggio.

Il Paesaggio visto dagli Abitanti 

Firmando la convenzione gli stati membri si sono impegnati a “stabilire e attuare politiche paesaggistiche volte alla protezione, alla gestione, alla pianificazione dei paesaggi”, e a “integrare il paesaggio nelle politiche di pianificazione del territorio, urbanistiche e in quelle a carattere culturale, ambientale, agricolo, sociale ed economico, nonché nelle altre  che possono avere un'incidenza diretta o indiretta sul paesaggio”.

Questo impegno al miglioramento riguarda tutti i paesaggi: non solo quelli straordinari, riconosciuti per la loro eccezionale bellezza e importanza, ma anche quelli ordinari, quelli in cui ogni giorno le persone vivono e si muovono. Anzi l’impegno deve riguardare soprattutto il miglioramento dei paesaggi ordinari, perché è proprio il loro valore, o il loro degrado, che influenza di più la qualità della vita di tutti.

L’opinione degli abitanti è fondamentale: la convenzione europea afferma che in tutto il territorio possono essere individuati paesaggi diversi, i cui caratteri dipendono dall’azione di fattori naturali e di fattori umani, eattribuisce alle persone la vera capacità di riconoscerne la qualità. Per questo motivo gli stati che hanno firmato la convenzione si sono impegnati a avviare procedure di partecipazione di tutti i soggetti coinvolti nella definizione e nella realizzazione delle politiche paesaggistiche, primi fra tutti gli abitanti. Si sono impegnati a migliorare la sensibilità generale su questi temi, comunicando nelle scuole, nelle università, nel mondo delle professioni e in tutta la società civile, l’importanza di migliorare la conoscenza dei propri paesaggi, tenendo conto dei valori specifici che sono loro attribuiti dai soggetti e dalle popolazioni interessate.

Sulla base di questi principi il Piano Paesaggistico Territoriale della Regione Puglia ha considerato importante offrire a tutti uno strumento che consente ai singoli abitanti o alle loro associazioni di valutare la qualità paesaggistica dei propri ambienti di vita, o di segnalarne il degrado. 

L’Osservatorio del Paesaggio della Regione Puglia ha la forma di un Atlante delle segnalazioni. Esso è aperto alla consultazione e al contributo attivo di tutti: abitanti, associazioni ed enti.

Dalle Istruzioni per l'uso dell’Osservatorio è possibile approfondire le funzionalità dello strumento e le informazioni, sottoforma di schede, che è possibile inputare a livello territoriale.